30 giugno 2009

Pina Bausch by Donata WendersMuore a Wuppertal, Pina Bausch, coreografa tedesca. Personaggio centrale  della danza moderna, con il gruppo ‘Tanztheater’, ha inventato il teatro danza, quella forma ‘teatro totale’, in cui al movimento del corpo si aggiunge gestualità e recitazione. I primi lavori sono ispirati a capolavori artistici, letterari e teatrali. Con Café Müller il suo spettacolo più celebre, composto sulle musiche di Henry Purcell, ottiene un successo mondiale. Mentre le prime opere sono animate da una dura critica alla società consumistica e ai suoi valori, le opere più mature approfondiscono sia il contrasto uomo-società, sia la visione intima della coreografa e dei suoi danzatori, che sono chiamati direttamente ad esprimere le proprie personali interpretazioni dei sentimenti.

 

Ecco il mio segreto. È molto semplice: si vede solo con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi.

Antoine de Saint-Exupéry

(29 giugno 1900 – 31 luglio 1944)

Antoine de Saint-Exupéry

rubrica quale lavoro webLe piattaforme di crowdfunding, non solo raccolta fondi

Un campagna di crowdfunding è una vera campagna di marketing da curare in ogni dettaglio, si raccolgono i dati, si raccolgono i fondi e quando si è pronti si presenta tutto alla stampa.

Leggi il seguito di questo post »

29 giugno 1929

Oriana FallaciNasce a Firenze Oriana Fallaci. Figlia di un antifascista, partecipa, giovanissima, alla Resistenza. Inviato speciale de “Il Corriere della Sera”, è la prima donna corrispondente di guerra: in Vietnam, Pakistan, Sud America e Medio Oriente. Collabora con le più prestigiose testate giornalistiche. All’indomani dell’11 settembre, i suoi interventi sullo scontro di civiltà tra Occidente e Oriente, con l’avversione per qualsiasi forma d’integralismo, la trasformano in paladino dei fondamentalisti cristiani. Oriana Fallaci muore, nella sua Firenze, il 15 settembre 2006.

 

La singolarità vera e nuova, l’originalità, non è cosa che si procacci di fuori; si ha dentro o non si ha; e chi l’ha veramente non sa neppure d’averla e la manifesta con la maggiore semplicità.

Luigi Pirandello

(28 giugno 1867 – 10 dicembre 1936)

Luigi Pirandello