Prenditi il diritto di sorprenderti.

Milan Kundera

(1 aprile 1929)

Milan Kundera

La Famiglia Belier poster film“Un film che vi farà stare bene”, così recita il promo di questa nuova commedia francese firmata da Eric Lartigau. E sembra essere proprio così, perchè la sensazione che si prova all’uscita della sala, al di là dei propri gusti personali è quella di una profonda leggerezza, da non confondere con superficialità, perchè la storia (ammettiamo sì un pò ruffiana) tratta argomenti tutt’altro che frivoli.

Leggi il seguito di questo post »

1 aprile 1994

Robert Doisneau - Le Baiser de l'Hotel de Ville Paris 1950Muore a Montrouge, un sobborgo a sud di Parigi, il fotografo Robert Doisneau. Nato nel 1912, ritrattista di scrittori e artisti, è noto soprattutto come fotografo di bistrot e di strade. Viene assunto all’età di ventidue anni presso le officine della Renault di Billancourt come fotografo industriale. Negli anni quaranta si impegna nella Resistenza, dal 1945 comincia a lavorare con Pierre Betz, editore del giornale Le Point e dal 1946 diviene fotografo indipendente per l’agenzia Rapho, fondata da Charles Rado e gestita all’epoca da Raymond Grosset; Doisneau rimane un fotografo della Rapho per circa cinquant’anni. Nel 1987, gli viene attribuito il premio Balzac, una delle più prestigiose onorificenze artistiche francesi. Tra i suoi scatti più celebri «Le baiser de l’Hotel de Ville» del 1950, che sarebbe diventato l’icona e il simbolo di Parigi.

 

keep webVagabondi del mio cuore, ci siamo! Aprile è iniziato e ufficializzo l’apertura della stagione mondana. In questo weekend c’è pasqua di mezzo, non dimenticate di organizzare delle belle uscite fuori porta e per chi resta in città, alcuni consigli su come passare queste giornate di timida primavera.

Leggi il seguito di questo post »

31 marzo 1889

Torre Eiffel Esposizione Universale di Parigi 1889A Parigi, viene inaugurata la Tour Eiffel. Alta 307 metri (poi divenuti 324 con l’antenna), viene costruita per fare da ingresso monumentale all’Esposizione Universale. A presiedere la cerimonia, quel 31 marzo, c’era Alexandre Gustave Eiffel. Noto costruttore di ponti, maestro di costruzioni metalliche e progettista cinque anni prima del supporto interno della Statua della Libertà, aveva sbaragliato altri 100 progettisti nel concorso bandito dal governo francese per un monumento (temporaneo) da erigere sul Champ-de-Mars in ricordo del centenario della Rivoluzione francese. La visionaria opera, ancor oggi un capolavoro architettonico, riceverà tuttavia molte critiche, sia estetiche che progettuali, tanto che nel 1909 rischierà di essere demolita, ma a salvarla sarà il suo utilizzo per le trasmissioni radio.