30 settembre 1977

manifestazione walter rossiNel quartiere Balduina a Roma un gruppo di giovani di sinistra sta distribuendo volantini per protestare contro il ferimento di una loro compagna, avvenuto la sera prima. Dietro un blindato della polizia c’è un gruppo di neo-fascisti. Due persone si staccano dal gruppo e fanno fuoco contro i giovani. Walter Rossi, 20 anni, militante di Lotta Continua, è colpito mortalmente alla nuca. I colpevoli saranno identificati molti anni dopo: Alessandro Alibrandi e Cristiano Fioravanti. Ma in seguito alla morte di Alibrandi il procedimento penale viene archiviato. Fioravanti viene prosciolto nel 2001.

 

Ci sono soltanto due possibili conclusioni: se il risultato conferma le ipotesi, allora hai appena fatto una misura; se il risultato è contrario alle ipotesi, allora hai fatto una scoperta.

Enrico Fermi

(29 settembre 1901 – 29 novembre 1954)

enrico fermi

29 settembre 1980

marcia dei quarantamilaLa FIAT annuncia la cassa integrazione per 23.000 lavoratori. In Italia, crisi del petrolio e lira forte hanno messo in crisi il mercato dell’auto. La decisione dell’azienda automobilistica scatena la reazione dei sindacati. Inizia un braccio di ferro che vedrà un momento di svolta dopo 34 giorni di sciopero con la Marcia dei Quarantamila, composta da quadri, impiegati della Fiat, ma anche operai e comuni cittadini che, inaspettatamente ed in contrapposizione ai sindacati, manifestano per il ritorno alla normalità della città, scossa dalle proteste. Dal punto di vista sociale essa rappresenta l’emergere della cosiddetta Maggioranza silenziosa, piccolo borghesi affermatisi nella stagione del riflusso che saranno i nuovi protagonisti dell’Italia terziarizzata, a partire dagli anni ottanta.

 

28 settembre 1943

le quattro giornate di napoliÈ già da un giorno che il popolo napoletano è insorto contro l’esercito tedesco che occupa la città dopo l’armistizio dell’8 settembre. Tutta la popolazione si batte con fucili, pietre, bottiglie di benzina, armi improvvisate e oggetti casalinghi. I combattimenti durano quattro giorni e si concludono il 1° ottobre con la cacciata dei tedeschi. Alla fine, più di trecento napoletani pagheranno questa scelta con la vita. Alla città di Napoli viene conferita la Medaglia d’oro al Valor Militare.

 

27 settembre 1871

grazia deleddaNasce a Nuoro Grazia Deledda. Frequenta solo le scuole elementari, ma l’ambiente familiare nel quale cresce le consente di studiare l’italiano, il francese e di coltivare i suoi interessi per la cultura. Appassionata lettrice, da giovane inizia a scrivere racconti. Nel 1900 si trasferisce a Roma dove risiederà sino alla morte. A 21 anni pubblica il suo primo romanzo “Fior di Sardegna”. Nel 1913 esce il suo capolavoro, ‘’Canne al vento’’, in cui pone al centro la fragilità dell’individuo travolto da un destino cieco e crudele. Nel 1926, seconda donna nella cronologia del premio, vince il Nobel per la letteratura. Il suo romanzo autobiografico, “Cosima”, esce nel 1937, un anno dopo la sua morte.